Il 30 marzo scorso è stato reso noto che, considerato l’incidente della prima centrale nucleare di Fukushima, il Ministero dell’Economia giapponese ha ordinato a tutte le centrali del Giappone di adottare entro metà aprile delle urgenti misure di sicurezza, fra cui le seguenti: 1) assicurare la fornitura di energia elettrica alternativa in caso di emergenza; 2) dotarsi di autopompe per fornire acqua di raffreddamento. Il Ministero sta già monitorando lo stato di avanzamento dell’attuazione entro il termine imposto. Chubu Electric Power (gestore delle centrali nella regione Chubu in Giappone) ha quindi reso noto che rinvierà a maggio la ripresa del funzionamento della centrale di Hamaoka (prov. Shizuoka), inizialmente previsto per i primi di aprile.